La pupilla è aguzza come una falce di luna e appuntita la lingua dentro il becco ad armare le sue parole…

Sono arruffate queste piume,
mentre tenta di sollevarsi in volo
appesantito dalla polvere della città,
le lunghe zampe esili,
e un casco sbilenco allacciato goffamente
protegge la fronte
portatrice di sogni e di idee.

È un airone ammaccato
sbeccato
incurvato
Il soldato di questo domani

ma la pupilla è aguzza come una falce di luna,
appuntita la sua lingua,
e il suo pensiero è lucido
mentre il sole si riflette sul ricordo
del bianco perlaceo di quelle ali.

Nell’alba di DOMANI vive ancora la SPERANZA
di sfiorare con le dita
i colori
dell’ARCOBALENO.

Stardust. Una storia d’amore nel regno delle fate

 Locandina film

Il fumetto fa parte del mio passato. Sabato sera siamo andati a vedere il film.

Nella storia su carta il titolo esatto è “Stardust. Una storia d’amore nel regno delle fate”, Stardust è una favola fantasy, imbastita con mistero e magia, stelle e penombra, così come nella migliore tradizione di Neil Gaiman,  creatore tra l’altro di Sandman, il signore dei sogni, altra storia importante importata dall’America e velata di atmosfera.

Il film è davvero bello, ben fatto e strutturato, non lascia un senso indefinito di insoddisfazione, ma piuttosto la tenerezza sorridente di una bella storia d’amore, per grandi e piccini, curata, cullata e delineata nei particolari. 

Ovviamente il finale può sembrare un pò scontato, ma altrimenti non sarebbe lo specchio di quello che è la novella, la favola. Illuminata dallo splendore di una stella.

E infine il cast, di livello eccelso, da De Niro alla Pfeiffer, poi O’Tolle, Sienna Miller e anche Rupert Everett, che come tanti farete fatica ad individuare in costume d’epoca. De Niro poi è a dir poco fantastico….

Comunque, in conclusione, io ve lo consiglio vivamente. Merito forse del fatto che al cinema, tra thriller e commedie scontate, cartoni animati ed epopee, questo film semplice manda messaggi di amore e speranza. Alla scoperta del Vero Amore.

Buon lunedì 😀