Dentro una mail

Ed esplose il tuono
nel anfratto del tempo
compreso tra una meninge e l’altra
all’interno del labirinto del cervello.

E crebbe la rabbia
come un ruscello durante il temporale.
a far girare vorticosamente
la ruota del mulino.

E nel caldo della luce,
nel produttivo movimento,
fluirono battenti dalle dita le parole
atte a creare i confini,
plasmate a definire la forma
del GIUSTO e dell’ERRATO
in una trama qualunque
permeata di punti di vista
di troppi individui interessati
alla direzione del VENTO

Guarda OLTRE

Talvolta 

ci sono scelte che non sono scelte, 

strade portate avanti senza una vera destinazione 

o percorsi obbligati.

La verità è sempre nascosta in segreto dietro le porte degli occhi,

quale mostro si nasconde dentro quelle pozze scure,

quali le radici che trattengono le caviglie,

che segreti sussurra il vento che soffia contro il viso?

Un sguardo avventato produce castelli senza fondamenta. 

Non è mai una buona idea costruire palazzi su pavimenti danzanti.

A LITTLE PRECIOUS LIFE

ORIZZONTE.jpg

E’ la MALEDIZIONE luminosa di una PICCOLA VITA

RINCHIUSA dentro i confini di una scatola,

nata accessoriata di un occhio capace di VEDERE

il MIRACOLO unico della giovane foglia d’erba sotto i raggi del sole

le variazioni del RESPIRO di un uomo

e le particelle volatili dello scorrere del TEMPO.

E’ una VITA PREZIOSA

con un cuore ad OROLOGERIA

che ticchetta COMPRESSO dentro le pareti di questa PRIGIONE

mentre la sabbia della clessidra scorre INESORABILE

sempre più VELOCE.

il futuro di un mondo di plastica

Tesi corpi compatti
e occhi allungati sui volti di porcellana dipinta,
gesti sinuosi a far da padroni
nell’impatto emotivo
dell’IMMAGINE DI SE’.
Apparenza e sostanza
FUSE
nel cesellato calderone delle COSE BELLE.

Riempiamoci gli occhi mentre sogniamo carezze impossibili.
Chi MAI potrà tracciare la linea
tra il reale
e l’immaginato
davanti ad una cotanta COPERTINA.

Mi chiedo COME (!) riconosceranno il percorso
coloro che nasceranno
in un mondo di sola plastica
stampata in 3D.

Pubblicità Progresso “dove”?

Non amo decisamente commentare le notizie quotidiane dei media…

Non guardo telegiornali mentre sto a tavola, preferisco parlare con la persona che ho davanti, e mi informo attraverso la rete perchè nel mucchio ho la sensazione di riuscire a reperire notizie meno storpiate e certamente depurate dal vittimismo costante che si vuol far trasparire dai TG italiani.

Ma questa la devo proprio dire.

TUTTA ‘STA COSA DEL FERTILITY DAY HA BELLAMENTE ROTTO LE SCATOLE.

NON DOVREBBE ESSERE UNA TRA LE COSE PIU’ PRIVATE, PERSONALI, DELICATE CHE ABBIAMO COME ESSERI UMANI?

Giustamente in Italia la mettiamo in piazza come fosse uno show. OVVIAMENTE.

Io vi auguro GIOIA, FELICITA’, FIGLI SE NE VOLETE O NE AVETE e soprattutto, ma non meno importante, TUTTA LA LIBERTA’ DI SCEGLIERE E GESTIRE LA VOSTRA VITA SENZA SENTIRVI VEICOLATI DA QUESTE ASSURDE PUBBLICITA’ “PROGRESSO” (e poi, progresso dove!?!).

Spero perdonerete questa mia uscita un po’ alterata dagli schemi del blog, ma quando ce vò, ce vò!

Ustica

A Bologna c’è un museo che è una lapide alla memoria

scritta nei resti di un aereo distrutto

81 luci pulsano piano

81 pannelli neri emettono sussurri

BRIVIDI e RISPETTO

Siamo tutti scintille in un fuoco immensamente più grande di noi

 

Tra le crepe dei miei ricordi

wp-1470525264030.jpg

Percorro strade guidata dalle foto della mia memoria

nella testa rimbalzano immagini

di campi generosi di sola fatica nelle mani macchiate dal tempo

e sorrisi sbilenchi tra fondi di bottiglia azzurri e gocce di sudore.

SONO MILLE VOLTE GRATA DEL MIO SPIRITO CHE ANCORA ODORA DI TERRA

come quando da bambina

tra quei prati

allungavo le mani a raccogliere albicocche

per tornare nell’aia con il volto impiastricciato

e occhi vivi come un grillo nell’estate.

Tra il gracidare sordo delle raganelle e il vibrare del vento sulle canne dello stagno

in quelle pareti ho lasciato i miei anni d’infanzia.

Rimbomba vuoto nella testa il rumore del tempo,

si sdoppia la vista tra l’adesso e il passato

nel ritrovarli RUDERI.

E I RICORDI IN BOCCA HANNO IL SAPORE AGRODOLCE DELLE COSE PERDUTE.