Ricominciare…

Un saluto colorato cari amici,
sono qui…
Questo è il primo momento dal nostro ritorno che mi dedico al blog con attenzione ma sono ancora un pò spaesata da tutto quello che ho vissuto…
Vorrei farvi entrare dentro di me per vivere quello che provo…Cercherò di darvene uno scorcio attraverso le mie parole…E credo di parlare anche per Orso, che sento come me un pò provato…
Sono triste, per il ritorno.
Ancora non sono riuscita a tornate nei ranghi, alla vita abituale, fatta di lavoro, spostamenti, macchina, colleghi, amici, sana normalità.
Non è che non volessi tornare, non è che non stia bene a casa mia, nella mia vita..E’ la mia vita, appunto, e la amo così com’è.
Ma Pantelleria e quello che abbiamo provato, insieme, in quell’isola, è stato magico.
L’aprire gli occhi all’alba, così, per vedere il sole nascere. Il suo crescere sul mare. Il tramonto di mille colori. La macchia mediterranea che si aggrappava tenacemente alle rocce nere, la vendemmia succosa.
La pioggia, le nuvole, i lampi di un temporale notturno sul mare.
Gli occhi della gente, caldi e coraggiosi. Accoglienti.
Il cibo saporito, tutto, i capperi e il peperoncino.
Il mare dovunque e l’ombra della montagna a seguire.
I Dammusi, piccoli e ospitali, con muri larghi e stabili contro il vento e le intemperie, e le piccole finestre poste in modo da raccogliere tutta la luce del giorno.
Le belle di notte di mille colori, fiori grandi come le mie mani, le bungavillee, fiori a cascata di un lilla acceso…
I fichi d’india dappertutto, che sono come l’isola, tenaci, con un guscio pungente e il cuore mieloso.
Il passito, i profumi del mosto.
Questo è un canto d’amore, per l’isola del vento.
L’isola che fu per leggenda il luogo dove Ulisse fu irretito da Calipso, dove Venere si specchiava prima degli incontri amorosi con Giove.
Un’isola che ti ruba il cuore.
Puoi amarla, od odiarla, non è facile, con il suo vento perenne e i suoi scogli appuntiti. E’ faticosa. E’ nera, la perla nera del mediterraneo, di lava raffreddata. E’ estrema.
Ma se la scopri, che ci entri dentro è modesta, semplice ma meravigliosamente ricca.

Orso ed io non potevamo proprio trovare un posto più bello per la nostra prima lunga vacanza.
E lo stare sempre insieme, lo svegliarsi di notte per una carezza leggera, la sveglia accompagnata da un fiore sul cuscino, il cucinare insieme, il sognare in osmosi, il condividere tutto lo splendore del tutto, le promesse a fior di labbra e i cuori a camminare insieme, ci hanno unito ancora di più di quando già eravamo. E per chi ci conosce, siamo una persona in due.

E’ stato magnifico.
Potrei parlare ancora ore e non riuscire a dirvi tutto. Spero di avervi fatto sentire un pò comunque quella che è stata la mia vacanza.
Ora mi sento vestita di colori aranciati e caldi, come illuminati da un tramonto sul mare…

Vi lascio alcune foto, come promesso, e probabilmente ne aggiungerò ancora più avanti…Vi lascio anche un caloroso abbraccio mentre cerco faticosamente di ritornare alla realtà.

Bacioni colorati a tutti voi!
Annunci

11 thoughts on “Ricominciare…

  1. Ecco perchè non ti ho ancora salutata.
    Non perchè riaverti tra noi non mi faccia piacere ma sarebbe solo l’aspetto più egoistico di ciò che provo.
    Invece ciò che prevale è solo gioia per i tuoi bei momenti e tristezza perchè sei dovuta tornare.
    Ma almeno ora puoi condividere tutto questo con noi. E questo è bene.

    Mi piace

  2. Che meraviglioso racconto Astralla!
    Grazie per aver condiviso con noi le vostre bellissime emozioni..
    E le foto poi! Stupende..
    E il mare..

    (certo che anche la colazione non scherza! Mi è venuta fame!)

    Grazie! e nuovamente..bentornata!

    Un inchino,
    Simo

    Mi piace

  3. Stefania…piacere di conoscerti!Ti aspetto!Gidibao è
    un grande, sono d’accordo!

    PiB…proprio così, ma anche per voi ritornerò alla grande!

    Dottor K…sono commossa dalle tue parole, mi viene solo da pensare che se non ci fossi bisognerebbe inventarti! 🙂 Grazie!

    MoMo…La colazione non scherzava davvero…infatti sono ritornata con qualche kiletto in più… ma è così bella la vita per preoccuparsene, no? 😉
    Che piacere risentirti!

    Mi piace

  4. Ciao Astralla, scusa per il mio ritardo,ma sti giorni…e ho deciso di prendere la lettura del tuo con un po’ di tranquillità.
    Il Doc/racconto è bellissimo, per un attimo sei riuscita a farmi immaginare , i magnifici profumi che si respirano al mare.
    Lo s che non è evidente tornare alla vita quotidiana dopo una vacanza cosi…ci impigherai un attimino!
    E Orso come stà? Attraverso i tuoi racconti ce lo fai sentir vicino anche a lui. Salutalo da parte mia.

    Le foto le ho gurdate ieri e devo dire che sono magnifiche!

    Astralla, non sono contenta che tu abbia lasciato Pantelleria, ma sono proprio contenta che tu sia tornata qui, fra noi. Un calorosissimo abbraccio!

    Mi piace

  5. Sonia…ciao!
    Mettiamola così, sti giorni sono stati intensi per tutti! 😉
    Orso sta bene, anche lui un pò triste per aver lasciato Pante, ma felice di esserci! Oltretutto legge il blog, anche se non scrive molto, quindi i tuoi saluti gli arriveranno direttamente!
    E da parte mia, ti assicuro che più vi sento vicini, come ora, e più la gioia di essere tornata sostituisce la malinconia!
    …e poi a Pante, di certo, torneremo!:]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...